Banca Versilia Lunigiana e Garfagnana

Banca Versilia Lunigiana e Garfagnana, nella nostra storia il nostro futuro.

  • 2016

    CLUB GIOVANI SOCI

    Politiche per i giovani: nasce il Club Giovani Soci BVLG. Il forte incremento voluto dal nuovo CdA permette di superare la soglia di 6000 soci. La Banca continua ad essere punto di riferimento essenziale per tutte le attività economiche, culturali e sociali del territorio.

  • 2015

    STAMATI PRESIDENTE

    Enzo Maria Bruno Stamati viene eletto alla presidenza.
    Nuovi obiettivi: incremento della base sociale, nuovo logo (BVLG) e nuove strategie di comunicazione per rafforzare il legame con il territorio e le sue comunità. Il ruolo dei vicepresidenti Giuseppe Menchelli, Corrado Lazzotti e Luciano Bertolini garantisce un forte legame con il territorio.

  • 2012

    GUIDUGLI CONFERMATO

    Il Presidente Guidugli viene confermato alla guida della Banca: una Banca che guarda al futuro.
    Viene approvato nel 2011 un nuovo statuto che prevede la nomina di tre vicepresidenti: il vicepresidente vicario Enzo Stamati (Versilia), Luciano Bertolini (Garfagnana), Giuseppe Menchelli (Lunigiana). La Banca celebra i suoi primi 60 anni.

  • 2009

    NASCE BVLG

    Nasce l’attuale Banca Versilia Lunigiana e Garfagnana tramite la fusione con la BCC Garfagnana-Minucciano.
    Un nuovo umanesimo e grandi iniziative culturali: una Banca con l’anima.

  • 2005

    PELLICCIONI DIRETTORE

    Il direttore generale Giovanni Tosi lascia la direzione della Banca dopo 33 anni. Subentra Paolo Pelliccioni nella direzione generale.

  • 2003

    GUIDIGLI NUOVO PRESIDENTE CdA

    Il 19 maggio muore il presidente dell’istituto Paolo Tommasi. Il 29 maggio 2003 Umberto Guidugli viene nominato nuovo presidente del CdA.

  • 2002

    LA BANCA COMPIE 50 ANNI

    La Banca compie 50 anni. Il primo libro sulla storia della Banca curato dal prof Danilo Orlandi su tracce e appunti di Olinto Cervietti scomparso un anno prima e fortemente voluto dall’allora direttore Giovanni Tosi.

  • 2001

    NASCE LA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DELLA VERSILIA E DELLA LUNIGIANA

    Nasce la Banca di Credito Cooperativo della Versilia e della Lunigiana: fusione per incorporazione con la BCC di Sarzana e Val di Magra.

  • 1994

    NASCE LA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO

    La Cassa Rurale ed Artigiana di Pietrasanta diventa Banca di Credito Cooperativo in virtù di nuove disposizioni di legge. Apertura a nuove categorie di soci. Aumenta la base sociale. Intanto nel 1992 apriva la Cassa Rurale ed Artigiana di Sarzana e Val di Magra.

  • 1985

    TOMMASI NUOVO PRESIDENTE

    Enrico Tesconi lascia la Presidenza e gli subentra l’avvocato Paolo Tommasi. Apertura della seconda filiale storica di Ripa nel 1987. Frase storica di Giovanni Tosi “Eravamo come due anime in un nocciolo, con ruoli diversi ma complementari”

  • 1982

    30 ANNI DELLA CASSA RURALE ED ARTIGIANA

    Si festeggiano i primi 30 anni della Cassa Rurale ed Artigiana. Verso il consolidamento. Espansione della banca con la prima filiale di Marina nel 1980.

  • 1972

    TOSI NOMINATO DIRETTORE

    Viene nominato, con poteri di firma, direttore della Cassa Rurale ed Artigiana di Pietrasanta Giovanni Tosi con incarico effettivo nel 1973. Resterà in carica fino al 2005 espandendo la Banca sul territorio. Sono anni fiorenti durante i quali la Banca afferma il suo legame con la base sociale.

  • 1967

    NUOVA SEDE IN VIA MAZZINI

    Viene inaugurata la nuova e definitiva sede in via Mazzini 80 progettata dall’architetto Domenico Cardini. Interviene la Federazione Toscana delle BCC per la risoluzione della crisi: il contributo del direttore Gianfranco Tilli.

  • 1964

    SCOMPARSA BRESCIANI

    Scompare improvvisamente il presidente Giovanni Bresciani. Cordoglio dell’intero CdA della Cassa Rurale ed Artigiana di Pietrasanta. Nomina del nuovo presidente Enrico Tesconi

  • 1962

    10 ANNI CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI PIETRASANTA

    I primi 10 anni di attività della Cassa Rurale ed Artigiana di Pietrasanta: gli utili di un decennio sotto la direzione Demos Tomagnini.

  • 1952

    FONDAZIONE CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI PIETRASANTA

    La fondazione della Cassa Rurale ed Artigiana di Pietrasanta. 250 mila lire di capitale. 65 soci fondatori complessivi. L’atto di costituzione rogato dal notaio Gian Giacomo Guidugli. Il primo presidente del CdA Giovanni Bresciani. Primo direttore in carica Demos Tomagnini dopo il periodo di direzione iniziale di Angelo Giuntini.

  • 1951

    PRIMO COMITATO PROMOTORE, SOCI E STATUTO

    Frase storica del dott. Angelo Giuntini in un colloquio con il rag. Aurelio Bibiani. “Ci vorrebbe che i soci della Cooperativa di Consumo, che sono tanti, fondassero una banchina e che i fornitori, che pure sono tanti, ne divenissero i clienti”. Il primo comitato promotore: i pionieri della Banca. I primi soci fondatori e il primo statuto.

Hai bisogno di informazioni?

Passa a trovarci nella filiale più vicina a te. Lì troverai il nostro staff sempre disponibile a darti maggiori informazioni.

Vuoi far parte anche tu della nostra storia? Diventa socio.